I nostri affiliati ottengono il riconoscimento del CONI e del RUNTS info@libertasvda.com

Associazione ed operatori: come strutturare la collaborazione? - Libertas Valle d'Aosta

  • Home
  • Associazione ed operatori: come strutturare la collaborazione?
scegliere collaboratori sportivi professionisti libertas valle d'aosta asd aps

Associazione ed operatori: come strutturare la collaborazione?

21 Novembre 2022 Ufficio_Comunicazioni Comments Off

Associazione ed operatori: come strutturare la collaborazione? Le situazioni che si presentano alle associazioni non profit

 

Le situazioni che si presentano alle associazioni

Le Associazioni non profit si avvalgono principalmente di Volontari per lo svolgimento delle proprie attività: l’Associazione esiste proprio grazie all’impegno dei Volontari, senza di loro non potrebbe esistere.

Tuttavia, può accadere che l’Associazione scelga di organizzare un’attività che per la propria natura intrinseca necessità dell’intervento di un Operatore con determinate competenze e capacità, talvolta anche di carattere professionale. Parliamo ad esempio di un corso sportivo (istruttori e tecnici sportivi), di artigianato (falegnami, pittori, cuochi, decoratori, ecc…) o di un gruppo di mutuo aiuto (psicologi, mediatori, medici, traduttori, ecc…); sono molte le attività per cui l’Associazione può aver bisogno di avvalersi di figure con professionalità acquisite per organizzare le attività con qualità e sicurezza.

Attenzione:  i principi qui esposti di seguito valgono sia nel caso in cui gli Operatori ricevano compenso, sia se sono Volontari che prestano la propria opera gratuita o attraverso rimborsi.

 

Quando per l’Associazione è necessario rivolgersi ad una persona con qualifiche e competenze di carattere professionale?

Se l’Associazione intende organizzare un’attività rivolta ai propri soci o a terzi in cui viene stimolata la sfera emotiva, fisica e personale, è tenuta ad individuare un Operatore adeguato. E questo aspetto diventa ancora più importante se i destinatari dell’attività organizzata dall’Associazione rientrano in categorie fragili (bambini, anziani, persone con patologie o disabilità, famiglie in situazioni di disagio economico, ecc)

Per farla semplice l’Associazione deve organizzare le attività “in modo serio”.

Per farla ancora più semplice, l’Associazione deve individuare una persona con la giusta preparazione per evitare di fare “danni alle persone”, e con questa semplificazione ci riferiamo alle possibili situazioni in cui le persone possano subire infortuni, danni psicologici o materiali.

Certo, può sembrare una serie di affermazioni eccessivamente dure, ma troppo spesso le Associazioni (attraverso i loro rappresentanti) pensano di non avere responsabilità sulle figure coinvolte, e messe di fronte a questo tipo di impegno decisionale spesso reagiscono sostenendo che è “troppo complicato organizzare qualcosa”. Oppure arrivano a chiedersi il perché di tanta attenzione, dal momento in cui altri “organizzano le cose in modo facile senza preoccuparsi troppo”, o peggio ancora “tanto non succede mai nulla”.

 
I contesti reali

Per delineare l’ambito di cui stiamo parlando, facciamo qualche esempio pratico:

Libertas Valle d'AostaL’associazione organizza un corso di ginnastica: l’insegnante del corso propone esercizi e movimenti alle persone. Se l’insegnante non è abbastanza competente, farà fare un’attività sbagliata, causando problemi di salute ai partecipanti.

Libertas Valle d'AostaL’associazione organizza un corso di cucina: nella manipolazione degli alimenti è possibile tagliarsi con i coltelli ed altri attrezzi, bruciarsi nelle fasi di cottura o maneggiare gli alimenti in modo da deteriorarne lo stato (intossicazioni), perciò solo una persona con ampia esperienza potrà guidare il gruppo di partecipanti in sicurezza

Libertas Valle d'AostaL’associazione organizza un corso sportivo per bambini: nel rivolgersi ai bambini nel modo adatto, nel rispetto del loro benessere e sviluppo psicofisico, non è sufficiente fare quello sport “da tanto tempo”. Occorre avere una specifica preparazione, che permetta di rivolgersi nel modo corretto in base alla fascia di età e proporre gli esercizi e movimenti adeguati in un linguaggio (verbale e corporeo) consono a un bambino, oltre ad avere la capacità di interfacciarsi con le famiglie laddove necessario.

Non sempre le associazioni sono consapevoli di quanti effetti negativi possa causare un adulto non adeguatamente preparato nel gestire attività (con i bambini o adulti), sia da un punto di vista psicologico, sia fisico. Soltanto un Operatore esperto e qualificato potrà svolgere al meglio l’attività per il bene di tutti.

È più che evidente che il ruolo dell’Associazione, rappresentata dal Presidente e dal Consiglio Direttivo, è fondamentale nella scelta ponderata dell’Operatore a cui affiderà lo svolgimento delle attività.

 

Le conseguenze di una scelta non oculata

Laddove un partecipante ritenesse di aver subito un danno imputabile all’Operatore (o all’Associazione), potrebbe decidere di procedere a denuncia per negligenza, imprudenza o imperizia o tentare di chiedere un risarcimento.

Perciò, facciamo un passo indietro: quando il Consiglio Direttivo di un’Associazione determina di voler organizzare e proporre un’attività, deve fare le proprie scelte ricordando che è tenuta per legge a rispettare il principio dell’art. 1176 del Codice Civile, chiamato “principio del buon padre di famiglia“, in quanto questo rappresenta per lei un obbligo giuridico.

Non esiste un manuale su come si può rispettare al meglio questo principio, ma abbiamo a disposizione tutta una serie di situazioni pregresse che ci palesano che tale principio è rispettato quando l’Associazione compie in modo serio e documentato lo sforzo per organizzare le cose nel rispetto della sicurezza. È vero, l’imprevisto può sempre accadere, ma l’Associazione è obbligata per legge a sforzarsi di individuare i possibili rischi e mettere in atto quanto necessario per prevenirli. E in questo, è centrale l’aver documentato le riflessioni, le motivazioni e la documentazione a sostegno delle scelte organizzative.

 

E quindi qual è il miglior modo di procedere?

Parlando da un punto di vista più pratico e meno teorico, un’Associazione che abbracci il principio del “buon padre di famiglia” previsto dal Codice Civile, compirà le seguenti azioni:

Libertas Valle d'Aostaindividuerà un operatore adeguatamente preparato, in possesso di titoli, attestati, brevetti e/o certificazioni che ne dimostrino il percorso formativo e l’adeguatezza per l’incarico che andrà a svolgere per l’Associazione;

Libertas Valle d'Aostachiederà a questo Operatore una copia dei documenti di identità, il curriculum e/o la copia delle certificazioni che possiede e le metterà agli atti nel proprio archivio associativo;

Libertas Valle d'Aostaindividuerà un luogo idoneo allo svolgimento dell’attività organizzata, sentendo anche il parere dell’Operatore in qualità di figura esperta;

Libertas Valle d'Aostadelibererà attraverso un verbale scritto del Consiglio Direttivo le scelte che hanno portato all’individuazione di quell’Operatore, la documentazione presentata a sostegno della scelta e le modalità con cui verrà attivata e promossa l’attività;

Libertas Valle d'Aostasottoscriverà con l’Operatore un incarico in cui vengono formalizzati i vari aspetti della collaborazione (calendarizzazione, orario, costo, metodo, tipo di attività, modalità pagamento, ecc…)

Libertas Valle d'Aostaverificherà che la copertura assicurativa dell’Associazione copra l’attività organizzata e se questa è esclusa dalla Polizza, ne attiverà un’altra idonea prima dell’inizio dell’attività/corso;

Libertas Valle d'Aostauna volta avviata l’attività/corso, il Consiglio Direttivo supervisionerà il buon andamento e se opportuno, interverrà per risolvere problematiche insorte in corso d’opera o interromperà l’attività/corso se questa assume un andamento che va a discapito del benessere dei Soci e dei partecipanti.

 
Conclusioni

Bisogna non lasciare nulla al caso, ma valutare e documentare. A questa pagina (clicca qui) puoi scaricare alcune bozze  utili e… non farti scoraggiare dai vari adempimenti! Un’attività ben organizzata fa bene all’Associazione! (e fa dormire sonni tranquilli al Presidente e al Consiglio Direttivo).

Il Centro Regionale Sportivo Libertas Valle d’Aosta APS è il comitato del Centro Nazionale Sportivo Libertas APS per la Regione Autonoma Valle d’Aosta.

Molte Associazioni valdostane si rivolgono al nostro comitato per essere sostenute e ricevere un aggiornamento continuo sulle norme che riguardano il mondo dell’associazionismo.

Per il tramite dell’affiliazione annuale, le Associazioni che si iscrivono alla Libertas Valle d’Aosta  ottengono una copertura assicurativa idonea per le iniziative organizzate ed il riconoscimento della propria attività istituzionale ai fini fiscali.

Entra nel mondo Libertas per avere un aiuto costante e dare il meglio!