I nostri affiliati ottengono il riconoscimento del CONI e del RUNTS info@libertasvda.com

ASD: quando spetta la detrazione per eliminazione barriere architettoniche - Libertas Valle d'Aosta

  • Home
  • ASD: quando spetta la detrazione per eliminazione barriere architettoniche

ASD: quando spetta la detrazione per eliminazione barriere architettoniche

27 Settembre 2022 Ufficio_Comunicazioni Comments Off

Con Risposta a interpello n 455 del 16 settembre 2022  le Entrate forniscono chiarimenti sull’articolo 119-ter del decreto legge n. 34 del 2020 inerente a interventi per il superamento e l’eliminazione di barriere architettoniche relativamente al suo ambito oggettivo di applicazione. 

L’Istante, associazione sportiva dilettantistica, intende effettuare degli interventi per l’eliminazione delle barriere architettoniche usufruendo della detrazione del 75% nel palazzetto dello sport di cui è concessionaria. 

L’intervento, che ha l’obiettivo di rendere fruibile l’impianto sportivo anche alle persone disabili, prevede l’installazione di un montascale e la creazione di rampe di accesso. 

Ciò considerato l’Istante chiede se possa accedere, come associazione sportiva dilettantistica, alla detrazione di cui all’articolo 119-ter del decreto Rilancio per gli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche sull’impianto sportivo che ha attualmente in concessione.

Le Entrate chiariscono che nel caso in esame, la Convenzione, per la gestione dell’impianto sportivo possa costituire titolo idoneo a consentire all’Associazione Istante l’applicazione della citata disposizione fiscale di cui all’articolo 119-ter del decreto legge n. 34 del 2020.

Ai fini dell’accesso alla detrazione in oggetto gli interventi in questione devono rispettare «i requisiti previsti dal regolamento di cui al decreto del Ministro dei lavori pubblici 14 giugno 1989, n. 236», con il quale è stato emanato il “Regolamento di attuazione dell’art. 1 della legge 9 gennaio 1989, n. 13 – Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l’accessibilità, l’adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata». 

Sotto il profilo oggettivo, come chiarito con la recente risposta pubblicata il 6 settembre 2022, n. 444, considerato che la norma richiama gli interventi effettuati su ” edifici già esistenti” senza ulteriori specificazioni si ritiene che rientrino nella disciplina agevolativa gli interventi effettuati su unità immobiliari di qualsiasi categoria catastale salvo il rispetto dei criteri previsti dal decreto del Ministero dei lavori pubblici 14 giugno 1989, n. 236. 

Conseguentemente, l’Istante potrà usufruire, nel rispetto di ogni requisito previsto dalla normativa, per le spese sostenute nel 2022 dell’agevolazione prevista.

Detrazione eliminazione barriere architettoniche: riepilogo delle regole

Si ricorda brevemente che l’articolo 119-ter del decreto legge n. 34 del 2020;

  • Libertas Valle d'Aostariconosce ai contribuenti,
  •  
  • Libertas Valle d'Aostaai fini della determinazione delle imposte sui redditi, una detrazione dall’imposta lorda, fino a concorrenza del suo ammontare, per le spese documentate sostenute dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022 per la realizzazione di interventi direttamente finalizzati al superamento e all’eliminazione di barriere architettoniche in edifici già esistenti,
  •  
  • Libertas Valle d'Aostada ripartire tra gli aventi diritto, in 5 quote annuali di pari importo,
  •  
  • Libertas Valle d'Aostanella misura del 75 per cento delle spese sostenute ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a:
    •           Libertas Valle d'Aosta50.000 euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno; 
    •           Libertas Valle d'Aosta40.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da 2 a 8 unità immobiliari; 
    •           Libertas Valle d'Aosta30.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di 8 unità immobiliari.

Come chiarito con la circolare 23 giugno 2022, n. 23/E (cfr. paragrafo 3.5), rientrano nel campo soggettivo di applicazione della nuova disposizione le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni, gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale, le società semplici, le associazioni tra professionisti e i soggetti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, enti, società di persone, società di capitali). 

Tali soggetti devono possedere o detenere l’immobile in base ad un titolo idoneo al momento di avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese se antecedente il predetto avvio.